4 birre autunnali

Ho sempre ritenuto l’autunno una stagione triste, annuncio di fine estate, inizio della scuola e del freddo. Tutte cose che ho sempre odiato. Non ho mai accolto questa stagione con serenità, l’ho sempre rifuggita. Tempo uggioso, piogge fredde e giornate sempre più corte, sempre più buie. Poi, con il tempo si cambia, ho iniziato ad apprezzare questi mesi.

Grazie anche alla fine degli studi, trovo in questo periodo una stagione da apprezzare. La campagna cambia, i suoi colori diventano incredibili. E le giornate piovose e nuvolose non sono più uggiose ma concilianti. Vabbè questo quando sono in misura moderata.

Alla fine l’autunno è una bella stagione, dopo l’euforia della primavera e poi dell’estate, questa stagione regala piacevoli momenti. Ci sono le castagne da raccogliere, i funghi da cercare, gli ultimi frutti da raccogliere e la coperta da rimettere sul divano. E poi in autunno ci sono delle ottime birre stagionali.
Per la birra è un magnifica stagione.

Dopo le rinfrescanti e leggere birre estive, arriva il momento di godersi più corposità e grado alcolico. Quando la vita quotidiana era ancora strettamente legata alle fasi contadine, questi erano i mesi di inizio riposo e feste dopo le estenuanti, calde estati. Infatti la birra autunnale più famosa è la Oktoberfest. Ma ce ne sono molte altre conosciute e meno.

Oktoberfest

Le Oktoberfest sono le birre servite durante il famoso festival. Appartengono allo stile Marzen, poco più scure e più alcoliche, prodotte in marzo per essere bevute in questo periodo. La loro patria è Monaco dove vi sono i sei tra i più famosi birrifici tedeschi chiamati le sei sorelle, Hofbrau, Paulaner, Augustiner, Lowenbrau, Spaten e Hacker-Pschorr. Solo questi hanno l’esclusiva di presenziare al festival. Non solo i birrifici di Monaco producono questo stile, molti, non solo tedeschi, ne hanno una nella loro produzione per omaggiare lo stile ed il festival .

4 birre autunnali

Pumpikale

Altra birra che si rifà ad una festa, questa volta anglosassone, è quella alla zucca. Tipico ortaggio autunnale. Ed emblema della famosa festa di Halloween. Grazie a questo evento popolarissimo negli Stati Uniti la zucca ha visto una riapparizione come ingrediente brassicolo. Negli ultimi anni anche in Italia alcuni birrifici si sono cimentati nella produzione di questo stile da cui non dobbiamo farci ingannare, non sono eccessivamente dolci come potrebbe far pensare la zucca, ma vengono avvertite maggiormente le spezie come cannella, zenzero e noce moscata.

4 birre autunnali

Castagna

Questo è stato lo stile porta bandiera della birra artigianale italiana quando era ai suoi albori. Sono state tra le prime birre fatte con i prodotti del territorio. Il loro successo è dovuto alle molteplici varietà della castagna nel nostro paese e ai suoi diversi metodi d’impiego, in farina, essiccate, arrostite o bollite. Ultimamente sono passate un po’ di moda, vuoi perché i gusti sono cambiati, ora c’è una predilezione per le birre amare e luppolate, vuoi perché la castagna è complicata da gestire nella fase produttiva. Oggi è più difficile trovarne una nella produzione di un birrificio. Però è sempre possibile trovare delle ottime birre italiane alla castagna.

4 birre autunnali

Fresh Hop

Le Fresh Hop sono uno stile di birra nato anch’esso negli Stati Uniti. Ho approfondito meglio in questo articolo. La sua particolarità sta nell’utilizzo di luppoli freschi, appena raccolti. Il periodo della raccolta è tra i mesi di settembre e ottobre ed il luppolo va usato appena raccolto, non devono passare più di 24 ore. Quindi è possibile produrre queste birre solo in questo periodo. Solitamente sono American Pale Ale o IPA ad essere utilizzate con questi luppoli, proprio per l’importanza che danno all’aroma del luppolo. Normalmente il luppolo viene utilizzato essiccato, in foglie o in pellet, mentre utilizzato fresco rilascia delle note più erbacee e fresche. È proprio questa sua caratteristica che le fa amare. Anche in Italia questo stile sta avendo successo, molti birrifici in quest’ultima stagione hanno utilizzato l’alternativa del luppolo fresco.

4 birre autunnali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *