Risotto blu di capra e Blond Ale

Risotto blu di capra e Blond Ale

30 Gennaio, 2020 0 Di admin

In una giornata piovosa e un po’ uggiosa ho voluto coccolarmi con un bel piatto e portare così il sereno almeno all’interno delle mura domestiche. Ho deciso di preparami un bel risotto ed abbinarlo ad una buona birra, così da migliorare la giornata. 

Ho deciso di farmi un risotto con il blu di capra. Formaggio tipico piemontese è un erborinato di latte di capra, simile al gorgonzola ma con le caratteristiche del latte caprino.

Dell’impeccabilità dell’abbinamento tra formaggio e birra ne ho già parlati qui. La birra è una perfetta compagna al formaggio. È sempre una goduria questo tipo di abbinamento, anche se servono sempre delle accortezze.  

Risotto con blu di capra e blond ale

Come compagna di pasto ho scelto la Strandgaper, una blond ale del birrificio belga Schelde Brouwerij. Birrificio in terra belga ma tradizionalmente olandese dove apri nel 1994 alla foce del fiume Scheldt, da cui prende il nome, per poi trasferirsi oltre confine a Hoogstraten in Belgio. Una blond ale dal carattere speziato e dolce reciso da finale secco e amaro. Una felice e facile bevuta, durante il pasto sa tenere buona compagnia.   

La dolcezza e mansuetudine del riso sono un buon alleato a contrastare il sapore deciso del blu di capra. È un risotto che ho fatto più volte, quando ne ho avuto l’occasione, mi è sempre piaciuto parecchio. Con l’aggiunta di porro per renderlo più delicato. Senza tanti altri arruffianamenti che avrebbero sopraffatto il formaggio. Ho peccato però con la scelta della birra. La Strandgaper è una birra che ho sempre apprezzato, si fa bere molto volentieri, anche a tavola.

Risotto con blu di capra e Blond Ale

Pensando a una blond ale belga non ho preso in considerazione il suo finale tendente all’amaro. Che come ho riportato anche in questo vademecum per gli abbinamenti tra birra e formaggio, l’amaro non è molto compatibile con il sapido e il pungente. Più che altro perché l’amaro viene enfatizzato e io non sono un amante dell’amaro. E quindi a parer mio non è stato uno degli abbinamenti maggiormente riusciti. Anche se l’entrata speziata e dolce della birra stanno molto bene con i sapori del risotto, è poi il finale amaro che tronca di netto queste percezioni e lascia solo quest’ultimo sapore in bocca unito al pungente del formaggio. Sicuramente per gli amanti dell’amaro questo sarebbe un abbinamento riuscito

Posso dire che comunque è stato un buon pasto ed è riuscito nel compito prefissato di rendere migliore la giornata.